martedì 30 dicembre 2008

Vacanze a Davos

Ed eccoci qua, come quasi ogni anno, a passare qualche giorno di puro relax in montagna. Quest'anno la meteo sembra essere clemente: un gran bel sole e temperature quasi polari (tra -14 e -4 gradi) ... insomma, stupendo!

Ora, bando alle ciance: vi lasciamo a qualche foto.

From Davos capodanno 2008-2009

sabato 27 dicembre 2008

In viaggio...

Siamo ormai in viaggio da un po' verso Davos, tradizionale meta delle
vacanze invernali. In quel di Splügen il termometro della nostra
automobile segnava una temperatura decisamente rigida: che sia un
presagio per i giorni a venire?

venerdì 26 dicembre 2008

Questioni di neve

All'alba del giorno di S. Stefano in alcune parti del mondo ha nevicato. Ecco due scorci di due relativi luoghi innevati:

Locarno...





... e Jackson (Wyoming), dove vivono i miei zii.





Qui con 5 centimetri è il panico ... là sotto il mezzo metro non sono contenti ;-)

martedì 23 dicembre 2008

Buon Natale!

Con il passare degli anni, i nostri auguri avvengono sempre in maniera più tecnologica...



Stella stellina,
vieni più vicina;
narra la leggenda
che tu sia stupenda.
Illumini di armonia la volta celeste,
rendendo radiose queste dolci feste.
Doni serenità lungo il tuo cammino,
riversala su di noi e chi ci sta vicino.
Amici o semplici conoscenti, questo non importa,
deponi la gioia davanti alla loro porta.

Buon Natale da Manuel e Milijan!

domenica 21 dicembre 2008

Meglio stare alla larga da questo oggetto...


... Eh sì, questi ultimi giorni sono stati assai improntati da cibarie varie ed è meglio stare il più lontani possibile da una bilancia, così da evitare giramenti di capo o cose simili.

Si dice che uno dei modi migliori per passare del tempo in maniera conviviale, sia quello di fare una cena... Bene, ecco che la convivialità aumenta in modo esponenziale durante l'avvicinamento alle festività e così va a finire che si occupano cinque serate consecutive in altrettante cene; guarda caso i pasti in questione non sono neppure tra i più "light"...

Tra Tartare, Chinoise e Fondue al formaggio (per chi può...), ci siamo rimpinzati per benino, aggiungendoci pure del buon vino e rincasando sempre quando iniziava il mattino (beh, non proprio all'alba, ma quando la giornata precedente era comunque già finita). Il risultato assume quindi le sembianze di un cerchio alla testa, un peso allo stomaco e due borse sotto gli occhi utili anche per fare la spesa al supermercato.

Ora qualche giorno di pausa, poi arriva il pranzone di Natale e la devastante settimana di vacanza a Davos.

Ma, invece delle "cene di Natale", non si potrebbero fare le "corse di Natale"?

martedì 16 dicembre 2008

Cambiamenti degli orari dei treni: miglioramenti x l'utenza?!?!

Domenica 14 dicembre le FFS hanno cambiato parecchi orari dei treni,
sostenendo che ci sarebbero stati notevoli miglioramenti per l'utenza:
aumento delle corse e aumento del materiale rotabile.
Per quanto riguarda gli orari, ammetto che al mattino posso
beneficiare di un viaggio posticipato di qualche minuto (e quindi
anche di una diana "ritardata" di un quarto d'ora); alla sera i
cambiamenti non dovrebbero creare problemi, nella peggiore delle
ipotesi starò a scuola un quarto d'ora in più di prima.
La promessa dello spazio non credo però che sia stata mantenuta e qui
sopra se ne vede una prova: in prima classe questa mattina (ma pure
ieri) c'era un'orda di studenti svaccati sui sedili e seduti per
terra... Chi possedeva un abbonamento di prima classe (e non vale solo
per me) si poteva gustare il viaggio in piedi ed in un ambiente molto
diverso dalla calma e dalla tranquillità.
Urgono provvedimenti, care ferrovie :-S

mercoledì 10 dicembre 2008

Omini arancioni, salvateci voi!

Per chi ancora non lo sapesse, Milijan dal 1. dicembre sta partecipando, per due settimane, alla "campagna Radon" della Protezione Civile.

Non mi addentrerò nei vari gossip che ruotano attorno agli omini arancioni (militi) che stanno svolgendo suddetta campagna, perché qualcuno di loro potrebbe leggere :-). Vi dirò solo che fanno orari impossibili, a scapito della sanità mentale dei militi: finiscono alle 19.30! E non mi tratterrò dal dire che tutto ciò mi ricorda i miei bei tempi del militare... parola chiave: TEAM (Toll, Ein Anderer Macht's!), hihihi.

Oggi, per rendere il tutto più realistico, Milijan è passato a salutarmi con il potente mezzo che gli omini arancioni solitamente usano. Vi lascio quindi gustare questa foto...



E dopo aver fatto della sana ironia, concluderò con una nota seria: la PCi sta sicuramente facendo un gran lavoro, nonostante la meteo proibitiva, e ci saranno famiglie che potranno dire loro grazie, visto che potranno ridurre la possibilità di prendersi un qualche malanno ai polmoni causato dal radon. Mi complimento quindi con la Protezione Civile Locarno e Vallemaggia, che sembra essere una delle poche a non fare solo "esercizi alibi".

domenica 7 dicembre 2008

Week-end a Zurigo: keywords

Ed eccoci tornati a casa dopo un week-end a Zurigo.
  • Colazione: Al Porto, Locarno (caffè/ovomaltina e brioche);
  • viaggio: solito puzzolente treno Cessoalpino, ma con soli 5 minuti di ritardo;
  • pranzo: Rheinfelder Bierhalle, famosa per le sue impanatone Jumbo;
  • shopping: su e giù per Bahnhofstrasse e Niederdorf, purtroppo con pioggia abbastanza insistente;
  • merenda: a casa di Giana;
  • aperitivo: Wings Airline Bar & Lounge (molto originale, aperto nel 2001 da ex-dipendenti Swissair);
  • cena: ristorante Pulcino (Manuel dice "senza verdure", e Milijan riceve verdure al posto del risotto - tutto chiaro no?);
  • post-cena: bar Cranberry e altro bar in Niederdorf;
  • notte: albergo Central (4 stelle, probabilmente regalate: stanza piccola e un po' maleodorante, letto scomodo, un solo piumino);
  • colazione: Starbucks (non poteva mancare!);
  • altro shopping: vedi sopra (abbiamo trovato quasi tutti i regali!);
  • pranzo: raclette del mercatino di Natale / panino Nordsee;
  • viaggio: per fortuna ci siamo schivati il CIS.
Ed eccoci a casa soddisfatti. Grazie a Giana e Luca per la compagnia!

Infine vi lasciamo a qualche foto.

From Zurigo 06.12.08

lunedì 1 dicembre 2008

Calendario dell'avvento

Primo dicembre, inizio del mese dell'avvento, che anche se è un periodo prettamente cristiano, è stato adottato anche dalla popolazione più laica...

C'è chi ha aperto la finestrella con il cioccolatino, chi ha composto il primo pezzo di un puzzle, chi ha grattato la prima immagine del Millionen Los (tra cui noi, ma non abbiamo vinto e andrà avanti così anche per i prossimi giorni, sigh sigh) e chi, come nella mia classe, ha trovato due angioletti che portavano con loro qualche regalino (delle forbici speciali per tutti i pargoli) ed un pezzo di filastrocca, che la mia supplente (io sono impegnato in Protezione Civile) ha gentilmente iniziato a leggere.

Ecco questa filastrocca anche per voi..., da leggere per ingannare l'attesa.


POESIA DI NATALE, K. Jackson

Non guardare nei cassetti
sugli armadi o sotto i letti,
non scartare nessun pacco,
non aprire nessun sacco,
non frugare nelle sporte
se Natale è già alle porte.

Non pigliare il pacchettino
consegnato dal postino
e non scuoterlo per bene
per saper cosa contiene:
indagare è sempre male
sui regali di Natale.

Non far finta di dormire
per poi startene a sentire
cosa dicono i più vecchi;
chiudi gli occhi e poi gli orecchi:
è maggiore la sorpresa
dopo «cieca» e «sorda» attesa.

venerdì 28 novembre 2008

Cartolina da Lamone

Ecco come si presentava il prato della ricreazione durante la pausa
pomeridiana odierna. Una specie di manto nevoso bagnaticcio coperto da
un'orda di bambini gioiosi e urlanti, che nello spazio di pochi minuti
si sono slozzati come tanti stracci del pavimento.
Ora mi appresto a salire sul treno, per poi osservare altri tipi di
orde: gli studenti in seconda classe (accompagno Marco e la sua
coinquilina Marika, che hanno l'obbligo di ringraziarmi, visto che mi
sto martirizzando) e gli automobilisti non equipaggiati che staranno
intasando le strade Ticinesi. Evviva la neve in pianura!!!!

mercoledì 26 novembre 2008

Sony DSC-W300 vs. Canon Ixus 980 IS

Niente paura, non voglio trasformare il nostro blog in un sito di recensioni di macchine fotografiche. Ma viste le peripezie delle ultime settimane, ho pensato di postare un piccolo "test": Sony DSC-W300 vs. Canon Ixus 980 IS (SD990).



Un mese fa, in giro per Lucerna, preso da un attacco di shopping compulsivo, ho deciso di voler cambiare la macchina fotografica Sony DSC-W100 che mi era stata regalata 2 anni fa dai miei amici, e di cui ero molto contento. Purtroppo, però, un fastidioso granello di sabbia si è intrufolato nell'obiettivo, rovinando alcune foto. Quindi, quale miglior alternativa se non il successore di questo modello?

Ho acquistato una Sony DSC-W300. Inizialmente ero molto contento di questa nuova macchina, ma ben presto, guardando le foto al PC, mi sono reso conto che in realtà c'è stata una regressione da parte di Sony. In particolare, non ero contento della messa a fuoco, che qualche volta tendeva a "fissarsi" su ciò che non doveva (p.es. l'edificio dietro alla persona che avrei voluto fotografare, invece che la persona stessa), delle foto che spesso uscivano "mosse" in caso di luce scarsa, anche con lo stabilizzatore d'immagine attivo (cosa che non succedeva col modello vecchio), e degli spigoli un po' "taglienti" e poco piacevoli in certe immagini, causati probabilmente dalla compressione JPEG.

Tira e molla, a un certo punto ho deciso di rivenderla. Ho quindi acquistato una Canon Ixus 980 IS, della quale sono molto più contento. I modelli sono praticamente identici a livello di prestazioni "su carta", e dovrebbero essere 2 macchine più o meno analoghe.

Avendole provate entrambe, ecco le mie impressioni, i punti positivi e i punti negativi di ognuna.

I punti di forza della Sony rispetto alla Canon:
  • display LCD più grande (2.7" invece di 2.5")
  • motore dello zoom più silenzioso
  • tasti dello zoom posizionati meglio (mia impressione soggettiva)
  • indicatore della batteria residua più preciso
  • scatola in titanio antigraffio
  • prezzo inferiore
I punti di forza della Canon rispetto alla Sony:
  • accensione e "prontezza al primo scatto" più rapida
  • tempo tra uno scatto e il successivo leggermente inferiore
  • autofocus più rapido e preciso
  • autofocus-zoom nell'anteprima subito dopo lo scatto
  • foto con relativamente poco rumore anche in caso di poca luce
  • stabilizzatore dell'immagine più efficace
  • spigoli degli oggetti e linee di contrasto più "morbide" (algoritmo di compressione JPEG migliore)
Entrambe le macchine hanno un sacco di megapixel (13.6 la Sony, 14.7 la Canon), che in realtà mi sembra servano a poco, se non a riempire un sacco di spazio sull'harddisk. Peccato che Sony, con l'aumento dei pixel, sia regredita, mentre Canon è riuscita a non cadere in questa trappola. Forse anche grazie al nuovo processore DIGIC 4 usato nella Ixus, che è lo stesso che si trova anche nelle nuove reflex di Canon, e che fa un gran bel lavoro nell'elaborazione dell'immagine.

Entrambe le macchine hanno pressoché le stesse funzioni (le solite cose, con tutte le varie novità che vanno di moda ultimamente, come la messa a fuoco automatica dei visi delle persone, le varie "scene" con parametri preimpostati, dall'acquario ai bambini alla neve, e la regolazione automatica del contrasto per foto in controluce) e dispongono pure della regolazione totalmente manuale (anche se limitata a causa del piccolo obiettivo).

In sintesi, sono contento di aver fatto questo cambiamento. Sono sicuramente entrambe delle ottime macchine, ma non mi ritenevo abbastanza soddisfatto da tenere la Sony.

Per chi volesse leggerle, ecco delle recensioni complete della Sony DSC-W300 e della Canon Ixus 980 IS, con tanto di foto di esempio.

Piovono alberi dal cielo

Questo pomeriggio, rincasando, un rumore di elicottero si avvicinava sempre più al luogo dove stavo camminando, nel centro cittadino.
Ho alzato gli occhi per scrutare il mezzo volante, ma quello che ho visto è stato... un albero di Natale.
L'albero, probabilmente destinato ad abbellire Piazza Grande, è stato poi caricato su un camion e portato verso la sua destinazione prescelta.
Presumo si potrà ammirarlo a partire dai primi giorni di dicembre durante "Locarno On Ice": vi aspettiamo numerosi per un aperitivo, un vin brulé,..., ai bordi dell'imponente pista di ghiaccio e tra le casette (novità di quest'anno) del mercatino nordico.



domenica 23 novembre 2008

Una domenica all'ombra

È domenica, c'è il sole: perché non fare una piccola gita oltre dogana per bere qualcosa? Destinazione: Cannobio.

Fin qui tutto OK, se non che abbiamo scoperto che Cannobio sembra essere il Gambarogno dell'Italia: non c'è il sole! :-)

Eccovi un paio di foto per dimostrarvelo:







Come si può ben vedere, c'era sole ovunque, a parte dove eravamo noi. Quindi, ci siamo bevuti un caffè e siamo tornati a casa. Ma è stato divertente comunque :-)

Ed eccovi una chicca finale. Indovinello: come si entra in questo garage, "impignato" in mezzo alle viuzze del nucleo del paese?? Noi non l'abbiamo capito.

venerdì 21 novembre 2008

K.O. in prima classe

Decisamente la giornata odierna sta avendo un inizio sensazionale...
La mia sveglia biologica ha pensato bene di attivarsi cinquanta minuti
prima di quella elettronica, ma il meglio è arrivato quando sono
giunto alla stazione: il vagone del treno che ospita la prima classe
era in disuso. Porte chiuse, luci spente, il nulla più totale. Ed ecco
quindi che mi sono ritrovato a farmi accogliere in seconda classe:
fortunatamente ho trovato delle vicine tranquille, ma è proprio vero
che c'è un microcosmo abbastanza particolare. Non c'è dubbio, anche
se ho speso mille franchi in più, la prima classe è stata proprio la
scelta migliore.

Ecco, sto superando il Fiume Ticino: spero che sul prossimo treno io
possa ritrovare la calma,eheh...

martedì 18 novembre 2008

La felicità del giorno dopo



Chi ci conosce sa che la malinconia in questa casa non può durare troppo a lungo. Le riflessioni del post precedente sono sicuramente giustificate, e soprattutto in autunno si rischia di diventare malinconici (e malconci).

Quindi ho deciso di riportare un po' di allegria con la composizione di cui sopra (sono un vero artista). Buona primavera a tutti!

lunedì 17 novembre 2008

Malinconia autunnale

Il vento soffia e sembra voler spazzar via anche problemi e
difficoltà: eppure ciò che porta via sono solo polvere e foglie.
Poi succedono avvenimenti che ti fanno capire quanto miseri siano i
tuoi crucci e le tue assopite lamentele.
Ti rendi conto di essere come un albero con ancora tutte le sue
foglie, gialline, ma comunque tutte; intorno invece ci sono alberi
spogli e straziati dagli eventi ed è allora che ci si accorge di
essere fortunati...

Già, l'autunno rende malinconici (forse anche un po' malconci, eheh)

domenica 16 novembre 2008

Un altro compleanno è andato

Ebbene sì, da ieri sono 32 ... mi dico sempre: non disperare, diventi ogni anno più saggio :-)

Dopo la cena di venerdì sera (grazie ancora a tutti!), ovviamente non poteva mancare la cena di sabato sera in compagnia.

Se volete curiosare, eccovi alcune foto.

Un rinnovato ringraziamento a chi c'era, e ... a tra 1 anno!

From Compleanno Manuel 2008

sabato 15 novembre 2008

Un compleanno in casa

Oggi, 15 novembre, Manuel compie gli anni...

In questa sede scrivo semplici e sobri auguri, senza fronzoli o kitscherie: per quelle mi esprimerò privatamente e non pensate di ricevere scoop in merito (va bene essere "guardoni" e "spiare" la nostra vita, ma a tutto c'è un limite, eheheheh).

Dopo una prima piacevole cena in compagnia con qualche Ragazzo Arcobaleno, avvenuta ieri sera, oggi il festeggiato è atteso da altri amici e colleghi. Chissà che non verrà postata qualche fotografia della serata? Dopotutto uno dei regali di compleanno anticipati lo potrebbe permettere...

mercoledì 5 novembre 2008

Pioggia a catinelle, lago ribelle

Dopo più di una settimana di pioggia, a tratti anche intensa (Locarno Monti dixit), il livello del Lago Maggiore si è sempre più alzato. Nel corso di questo pomeriggio era intorno alla quota di 194.8 m, quindi ancora pochi centimetri prima di esondare all'altezza del nuovo porto di Locarno. È invece già tra le panchine del Parco della Pace a lambire i tronchi degli alberi insieme alle paperelle. Nonostante le piogge siano terminate, gli esperti dicono che il livello del lago crescerà ancora: fino a dove?

Yes, We Can!

Il popolo statunitense ha deciso. Congratulazioni a Barack Obama per la sua elezione!





Ecco il suo primo discorso:



E complimenti anche a John McCain per il suo discorso di concessione.



Che tutto questo possa essere di buon auspicio per un cambiamento positivo. Yes, We Can!

giovedì 30 ottobre 2008

La prima neve

Sta calando la sera su Locarno e qualche nuvola che ci ha tenuto
compagnia per molti giorni si è alzata sopra le creste del Gambarogno.
Quel che ha lasciato sotto è una spruzzatina di neve: poca cosa
rispetto alla Svizzera Interna o all'Alto Ticino, ma pur sempre la
prima neve della stagione...

lunedì 27 ottobre 2008

Week-end in giro per la Svizzera

Ecco, dopo qualche anticipazione postata negli ultimi giorni, siamo tornati a casa dal nostro week-end in giro per la Svizzera.

Dapprima una tappa al centro commerciale Westside di Berna, poi la cena per il 90. compleanno della nonna di Manuel al ristorante Rössli di Busswil. In seguito visita al museo CIMA di Sainte Croix, dove sono esposti vari carillon della ditta Reuge, oltre che svariati cimeli musicali automatici dei secoli scorsi. E infine, un po' di shopping e turismo in genere a Lucerna, che è sempre una bella città, con pernottamento al nuovo Hotel Radisson.

Eccovi qualche foto del week-end, e 2 filmati di altrettante "orchestre automatiche" del museo. Buona visione!

From Bienne-Ste Croix-Lucerna 25.10.08



domenica 26 ottobre 2008

Quarta tappa: Lucerne Radisson

Perché rientrare in Ticino se ci si può fermare per qualche ora in
quel di Lucerna?
La nostra fermata ci permetterà di "provare" l'albergo Radisson con
vista lago e di goderci la cittá in serata e durante parte della
giornata di domani. Gruess und Tschuess

Terza tappa: CIMA

Si potrebbe pensare che ci siamo dati all'escursionismo; no no,
rilassatevi, non siamo saliti su nessun cucuzzolo...
L'unica salita che abbiamo fatto è quella che porta a Ste Croix, nel
Giura Vodese, dove si trova il Centro Internazionale della Meccanica
d'Arte (CIMA): in questo villaggio, all'inizio del secolo scorso,
c'erano diverse fabbriche di carillon e altre scatole musicali e oggi
si vuole ricordare questo fiorente passato.
Nei prossimi giorni pubblicheremo una fornita gallery del posto: per
ora gustatevi un gioiello della ditta Reuge che abbiamo ammirato
nell'omonima boutique...

Seconda tappa: Busswil bei Büren

Sabato sera siamo arrivati ad un alberghetto di Busswil (Berna
profonda...) dove si è poi tenuta la cena per il 90. compleanno di
Nonna Wenger, con tutto il parentado al completo.

Dopo tutto ciò, e la notte trascorsa in questo albergo, siamo ancora
vivi :-) e proseguiamo verso la prossima tappa...

sabato 25 ottobre 2008

Prima tappa: Westside

No, non siamo in qualche quartiere di Londra (non ancora...), ma nel
centro commerciale più grande della Svizzera, alle porte di Berna. Qui
abbiamo pranzato e fatto mezzo shopping: una giacca per me e quasi una
macchina fotografica per Manuel (non volevamo quella di esposizione,
attenderemo di trovarne un'altra altrove).
Ora si riparte...

Dove stiamo andando?

Indovinello ... Dove stiamo andando? Ok, da questa foto colta in un
momento artistico è difficile capirlo :-)

Siamo in viaggio per andare a passare un week end al nord delle alpi.
Se dovessero nascere foto utilizzabili, non esiteremo a postarle.

Buon week end a tutti!

domenica 12 ottobre 2008

La nostra nuova Audi A3

Ebbene sì: dopo quasi 2 settimane di vita, abbiamo degnato anche la nostra nuova Audi A3 del suo personalissimo foto shooting.

Buona visione!

From Nuova Audi A3

sabato 11 ottobre 2008

Turisti a Locarno

Ebbene sì, capita anche noi di fare i turisti per caso a Locarno,
soprattutto in giornate quasi estive come oggi.

Non sapete cosa fare? Venite anche voi a fare un giro nella capitale
del turismo ticinese :-)

martedì 7 ottobre 2008

Volo in Leventina

Come capita ogni 2 anni, sta arrivando a scadenza il mio "rating" (in parole improprie: brevetto di pilota). E come sempre, mi ritrovo un po' di corsa a fare le ore minime necessarie al mantenimento: già, con la meteo non sempre clemente, e il tempo un po' tiranno, non riesco a volare quanto vorrei.

Da qualche giorno, però, la meteo collabora; ecco quindi il bellissimo volo a Samedan, di cui abbiamo scritto qualche giorno fa, e poi il volo di oggi: un breve giro del Ticino, accompagnato da Ale, che ha gentilmente fatto una marea di foto.

Aria tranquilla, cielo un po' meno limpido rispetto a quello di un paio di giorni fa, ma comunque eccezionale. Decollo verso le 14.45, e via verso il Ceneri, Bellinzona, poi su per Biasca fino al passo del San Gottardo. Dietro front, discesa lungo la stessa valle, e poi rientro da Brissago, poi Luino.

Nessun evento particolare, a parte il fatto che la torre di Locarno sembra avermi scambiato per un elicottero (ehi, io ho l'elica davanti, non sopra!).

Ma bando alle ciance, vi lascio alle foto ... buona visione!

From Volo in Leventina 07.10.08

domenica 5 ottobre 2008

Volo a Samedan (prospettiva del pilota)

Ed eccoci a casa dopo uno splendido volo a Samedan (St. Moritz), dal quale il solerte passeggero e fotografo Milijan ha già postato poche ore fa qualche immagine in diretta.

Abbiamo effettuato il volo in "tandem" (non proprio un termine corretto), insieme a Matteo, un altro pilota privato fresco fresco di scuola Avilù. Grazie a noi, 2/3 della flotta Avilù si trovava in Engadina :-)

La giornata era perfetta: un "braccio" dell'anticiclone delle Azzorre si è esteso fin sulla Svizzera, spazzando via il brutto tempo (in Engadina) e il Favonio (in Ticino), per lasciare posto ad una giornata con i classici 7 soli.

Ero un po' preoccupato per il vento (Meteosvizzera prevedeva vento da ovest con turbolenze), ma per fortuna se n'è rimasto in Svizzera Romanda. Il volo è stato molto tranquillo, sia all'andata che al ritorno. Siamo solo stati sorpresi dall'utilizzo della pista 21 (atterraggio da nord verso sud, per intenderci), che ci ha costretto a fare un "giro pista" all'interno della stretta valle. Un'esperienza interessante.

Quindi, pranzo al ristorante dell'aeroporto (non meglio precisata salsiccia engadinese per Milijan, e Schnitzel-Pommes-Frittes per me) e di nuovo partenza verso Lugano.

Ma ora, senza dilungarmi troppo, vi lascio al filmato del decollo da Samedan, e ad alcune foto che trovete cliccando qui.



From Volo a Samedan 05.10.08

Volo perfetto

Eccoci qui dopo un piacevolissimo volo. Ed ora..., Nusstorte!

Scampagnata a St. Moritz

Finalmente una bella domenica di sole ci permette di partire per un
bel volo alpino. Destinazione: l'Engadina... Il pilota controlla
minuziosamente gli ultimi dettagli e poi si parte. Buon volo...

sabato 27 settembre 2008

Auto nuova (quasi) - teaser

Il conto alla rovescia è iniziato: mancano pochissimi giorni alla consegna della nostra nuova auto.

In questo momento si trova in bella mostra davanti al nostro garage di fiducia, e non abbiamo potuto fare a meno di andare a farle qualche foto. Vi mostriamo in anteprima un piccolo "teaser"... il resto seguirà nei prossimi giorni!

giovedì 25 settembre 2008

Viaggio in treno, ma abolite il Cisalpino!

Oggi ho avuto il piacere di recarmi oltre Gottardo, in quel di Zurigo, per una riunione di lavoro. Complimenti alle FFS: ora anche i vagoni di alcuni treni sull'asse del Gottardo iniziano ad avere un aspetto umano, e hanno addirittura una presa di corrente!

Ecco qui una foto del vagone "nuovo" (non c'era in giro anima viva):



Al ritorno purtroppo non avevo alternative, e mi sono dovuto accontentare del Cisalpino, ormai amorevolmente soprannominato "Cesso alpino". Oggi più che mai la descrizione era idonea: nonostante il treno abbia più o meno funzionato (già, aveva solo 5 minuti di ritardo, un miracolo per questo modello), in compenso emanava al suo interno uno sgradevole odore che oserei definire un "incrocio tra una fognatura guasta e una toilette". Inoltre, il personale ha pensato bene di utilizzare la zona bagagli come magazzino per le bibite, con conseguenti andirivieni di camerieri.

In conclusione, vi consiglio di visitare il sito www.cessoalpino.com per vedere qualche statistica di (non) funzionamento di questa meraviglia della tecnica.

Un'aula che prende forma

Approfittando della "serata informativa" per i genitori, ho fatto un
po' di ordine nella mia (wow, posso dire mia...) auletta.
Poi, grazie alla tecnologia del mio melafonino, posso condividere con
voi questo piccolo pezzo di paradiso: notate bene, solo ora è un luogo
incantato, silenzioso, quasi ovattato, da domani mattina sarà di nuovo
infestato da piccoli marmocchi simili a simpatici "diavoletti" :)

giovedì 21 agosto 2008

New Job...

Notizia fresca fresca di oggi... Dopo aver penato per diverso tempo, ecco che sembrerebbe che la mia attesa (di Milijan) sia stata ripagata.

Dalla prossima settimana avrò modo di cimentarmi in una scuola tutta nuova, ubicata fuori dal Locarnese; i presupposti sembrano essere decisamente buoni, già solo per il fatto che l'assunzione è avvenuta grazie al mio curriculum e non a pressioni politiche o quant'altro (che ho comunque apprezzato quando sono state messe in atto, anche se con scarsi risultati, eheh).

Il luogo di lavoro? Un comune, consorziato con il suo vicino, raggiungibile comodamente in treno, senza dover subirsi le code del Piano di Magadino... Trattasi di Lamone - Cadempino (e ho pure fatto la rima)...

sabato 9 agosto 2008

ZRH Meeting

Dopo una traumatica sveglia alle cinque (!!!) del mattino, ci siamo recati in stazione – accompagnati da moltissimi nottambuli che hanno approfittato della vita notturna festivaliera – per poi partire in direzione di Zurigo, all’incontro di Airliners.net. Una volta giunti all’aeroporto siamo stati calorosamente accolti da Patrick, con il quale abbiamo chiacchierato un po’ del più e del meno (drammatico il suo racconto sul crash aereo di Überlingen del 2002, località nei pressi della quale lui vive); dopodichè ci siamo spostati dapprima sulla terrazza del terminale B,

poi su quella creata appositamente sul moderno terminale E


ed infine – questa è una chicca che offrono solo a Zurigo – nell’incrocio delle piste 10-28 e 16-34, dove abbiamo potuto ammirare gli aerei in decollo a pochi metri di distanza dalle nostre teste.





La giornata è poi proseguita per gli altri partecipanti con la visita guidata alle strutture dell’aeroporto: noi, invece, passando dalla stazione centrale infestata dai ravers della Street Parade, siamo rincasati, per approfittare di una delle tante serate all’interno della “Rotonda del Festival”, villaggio multiculty a margine del festival del film, dove si mangia, si beve e si incontrano persone che è da un sacco di tempo che non si vedono...