lunedì 26 ottobre 2009

Aria di cambiamento in sala

Visto che per non annoiarsi si devono rendere dinamici gli ambienti in cui si vive, abbiamo pensato di dare una rinfrescata a una delle nostre pareti. Il nuovo quadro è arrivato proprio al momento giusto: il giorno successivo di una deprimente ricerca di un nuovo divano che non è stato trovato.

Quindi, un passo per volta, iniziamo a goderci le nuove... fasi dell'amore (che è il titolo del quadro).

giovedì 22 ottobre 2009

Pubblicità anti-iPhone - la parodia della parodia

Ricordate le pubblicità anti-iPhone di cui ho parlato qualche giorno fa? Beh, la risposta non si è fatta attendere ... e stranamente non arriva da Apple, ma da un appassionato di Apple (e di video editing):



Conclusione: "Io non acquisto marche che sfottono altre marche... e io sono arrivato prima. iPhone". Grandioso! :-)

mercoledì 21 ottobre 2009

Vino e acidità...



Leggendo i vari titoli apparsi sul sito internet di un noto quotidiano di "oltre ramina", ho scoperto la causa dei miei mali, o meglio, dell'unico male che mi sta facendo ingoiare una pastiglia di Pantozol (un inibitore della pompa protonica che dovrebbe ridurre la mia acidità, ma solo quella dello stomaco s'intende, eheh) al giorno… Eccolo qui di seguito, con l'aggiunta di qualche mio commento.

Chi ama concedersi un buon bicchiere di vino a ogni pasto (non che io beva vino ad ogni pasto, ma capita che mi piaccia sorseggiarlo al ristorante) e ha anche a cuore la salute e il candore del proprio sorriso dovrebbe preferire i vini rossi a quelli bianchi (accidenti, io ultimamente ho una certa predilezione per il bianco). È uno studio tedesco (ma loro non si occupavano di birra?) a rivelare infatti che lo smalto dei denti viene intaccato più facilmente dal vino bianco (e se intacca i denti, chissà cosa fa nello stomaco?!) e a spiegare come comportarsi per ridurre al minimo il danno.
Che cibi e bevande acide siano in grado di danneggiare lo smalto dentale è sicuramente cosa nota, e il fatto che i vini bianchi abbiano un pH più basso (quindi una maggiore acidità) rispetto a quelli rossi spiega la loro maggiore aggressività. Per questo motivo si consiglia di preferire vini con minore acidità. Tuttavia, la ricerca condotta presso la Johannes Gutenberg University ha messo in luce che esistono comunque dei semplici trucchi per ovviare al problema ed evitare di ritrovarsi con i denti macchiati.
Per esempio, un abbinamento corretto tra vino e cibo può senz’altro essere d’aiuto: mangiare formaggio mentre si beve è un buon antidoto (ok, poi mi si trova anche un antidoto per non dover abusare della toilette dopo aver mangiato formaggio; lascerei perdere il Bioflorin), dal momento che i latticini contengono calcio, sostanza che il vino «attacca» sui nostri denti. Ben venga quindi l’abitudine di deliziarsi con una degustazione di formaggi a fine pasto, mentre è sconsigliabile associare vini bianchi frizzanti a succhi di frutta (nei cocktail, per esempio). Pollice verso anche per le fragole con lo champagne (evviva, oltre al bianco devo rinunciare anche a Bellini, Rossini e affini? Cosa faccio durante gli apéro time? Mi mordo le unghie?), combinazione altamente acida e quindi deleteria per calcio e fosfato. Infine – suggeriscono gli esperti – è sempre meglio bere mentre si mangia (questo perché la saliva prodotta durante la masticazione aiuta a neutralizzare l’acidità del vino) e una volta finito è preferibile attendere almeno 30 minuti prima di lavarsi i denti, per dare modo allo smalto di rigenerarsi (ok, non è che io mi porto dentifricio e spazzolino al ristorante, eheh).

Ecco…, questo è tutto. E dire che pensavo che il vino facesse buon sangue. Mah, fintanto che il sangue non diventa acido, va tutto bene :)

domenica 18 ottobre 2009

Pubblicità anti-iPhone

Che io sia un fanatico sfegatato dell'iPhone non è un segreto. Ma è altrettanto vero che Verizon (il più grande rivale di AT&T negli USA) deve aver assunto un responsabile marketing decisamente degno di tale nome.

Infatti, sono recentemente state pubblicate delle pubblicità di grande effetto. Verizon vuole contrastare l'erosione del mercato da parte di AT&T e iPhone. Ha iniziato col fare una parodia dello spot "There's an App for That" della Apple.

Ecco lo spot originale:



Verizon usa una musica molto simile e uno slogan quasi identico, "There's a Map for That" per mostrare che la loro copertura di rete è molto migliore di quella di AT&T:



Infine, è appena uscito un nuovo spot che vuole contrastare l'iPhone vero e proprio. In novembre, Verizon lancerà il Motorola Droid. Si presume sia un cellulare Android (basato sul sistema operativo di Google). Lo slogan: "Everything iDon't, Droid Does". Geniale!



Ora staremo a vedere: chi vincerà la grande battaglia degli Smartphone?

mercoledì 14 ottobre 2009

Siamo famosi II

Era il 22 maggio del 2004 e sul nostro vecchio forum pubblicammo il topic "Siamo famosi", sul quale appariva una foto che ritraeva, anche se in modo non troppo riconoscibile, noi due a bordo di un aereo dell'Avilù.
Qualche tempo dopo quell'aereo andò distrutto in un brutto incidente a Firenze.
Ieri, sulla stampa locale, è apparso un articolo in merito a quello schianto...

Un ok avventato dalla torre?

«Credevo che quel divieto riguardasse solo gli aerei più grossi». È iniziato ieri con la deposizione dell’operatrice della torre di controllo il processo contro due luganesi accusati dal Tribunale penale di Firenze di disastro aviatorio colposo. I fatti: erano le 11.15 del 20 novembre 2004 quando i due, a bordo di un Piper PA-28 decollato da Agno, si schiantarono in fase d’atterraggio sulla pista dell’aeroporto Vespucci. Ai comandi c’era un medico di 53 anni, a fianco sedeva invece Fernando Maspoli, 71 anni, municipale di Agno e pilota con lunga esperienza di volo. Nel crash riportarono gravi ferite entrambi, mentre un terzo passeggero rimase illeso.
Nella sua deposizione l’operatrice ha confermato di aver assegnato la pista al Piper, nonostante gli 8 nodi di vento in coda proibissero tale manovra. Interrogata dagli avvocati della difesa la donna si sarebbe giustificata con la frase riportata all’inizio. Dichiarazione ben accolta dalla difesa per la quale l’incidente sarebbe dovuto all’assegnazione di una pista sbagliata e al concorso di un airbus 319 decollato poco prima. «Siamo stati soffiati via come una foglia da quei turbini» ci dice Maspoli. La prossima udienza è aggiornata a febbraio 2010.

Quale foto è apparsa nel bel mezzo dell'articolo? Proprio quella che ritrae il buon Manuel alla cloche dell'aereo, con me al suo fianco...


Siamo famosi, seconda puntata, eheh...

domenica 4 ottobre 2009

E dopo Ascona ... Lugano!

Come se la folla di Ascona non ci bastava, eccoci a Lugano per la
festa della vendemmia! Stesso principio di ieri: tante bancarelle,
tanta gente ... Ma qui ci sono anche i corni delle Alpi!

Una domenica un po' diversa dal solito :-)


sabato 3 ottobre 2009

Sagra delle castagne ad Ascona

Un sabato di sole. Che fare? Un giretto ad Ascona potrebbe essere una buona idea. Ma già dalla colonna in Via Monte Verità abbiamo iniziato a dedurre che forse oggi non era un sabato come tutti gli altri. Dubbio poi confermato dal suono della fisarmonica che si sentiva fino nelle viuzze del nucleo.

Giunti sul lungolago abbiamo capito: la famosa "sagra delle castagne" è davvero un evento che attira un mucchio di persone (ma purtroppo principalmente turisti "croste"). Un veloce avanti-e-indietro in mezzo alle bancarelle, poi un gelato al Mövenpick (dove per miracolo si era liberato un tavolo)... e a casa!

Per rendervi l'idea della massa che c'era, eccovi una foto.