domenica 4 novembre 2012

Londra 2012: la terza volta è quella buona...


Questa volta anche Milijan si è ricreduto…
Dopo un soggiorno in questa città appena tre anni e mezzo fa, complice la presenza nella capitale britannica di due amici, siamo tornati a Londra per una breve vacanza. Le scorse volte l'entusiasmo di Milijan non è stato ad alti livelli e qualche pregiudizio sulle bellezze londinesi aleggiava nella sua mente. Pertanto, l'occasione di avere una "guida" che conosce la città meglio di un turista, ci ha permesso di vedere luoghi diversi da quelli visitati nei soggiorni passati ed anche l'ammirazione verso la metropoli ha avuto la sua svolta.

Eppure l'inizio non è stato dei migliori… In fase di atterraggio all'aeroporto di London City, il forte vento ci ha costretti ad un go-around mozzafiato ed al secondo tentativo, malgrado qualche sferzata al nostro povero "Jumbolino", abbiamo toccato terra con successo.

All'aeroporto ci attendeva già Mattia, la nostra guida per i tre giorni, e dopo una breve capatina al nostro albergo per depositare i bagagli, abbiamo iniziato, nonostante la tarda ora, con un primo giretto lungo il Tamigi, nella zona dei Jubilee Gardens, del London Eye e dei loro dintorni.

Di seguito, nei giorni successivi, le camminate si sono sviluppate nei pressi dell'albergo, nel quartiere di Westminster - con il tipico palazzo del parlamento ed il Big Ben -, a Camden Town ed il suo mercato (dove siamo poi tornati una sera a bere qualcosa e ad ascoltare un concerto con Marco, secondo amico presente nella capitale britannica), lungo il Regent's canal accanto alle chiuse Camden Lock, sulla panoramica collina Primrose Hill all'interno di Regent's Park, nel campus del college d'arte e design St Martins - ubicato in una fabbrica dell'epoca industriale magnificamente ristrutturata - , all'interno della stazione ferroviaria di St Pancras e a quella di King Cross, al laghetto Serpentine di Hyde Park, a Bakery Street dove viveva Sherlock Holmes, all'immancabile Buckingam Palace, nel cuore pulsante dell'economia Canary Wharf, nell'area pedonalizzata di Covent Garden, nel più antico mercato cittadino di Borough Market, ai piedi dello Shard - l'imponente grattacielo più alto d'Europa -, senza poi dimenticare attività più "venali" come le visite a Apple Store, alle boutique di Audi e di Bmw e ad una pasticceria ricca di delizie nella County Hall.
Una visita d'obbligo pure al quartiere residenziale dove vive Mattia ed in quattro e quattr'otto il soggiorno è trascorso e molto velocemente si è pure concluso.

Non possiamo che ringraziare Mattia per l'accoglienza e per averci fatto visitare la "sua" nuova città con uno sguardo più indigeno ed un ringraziamento va pure a Marco per la piacevole serata passata in sua compagnia…

E che dire infine di Londra? Beh, non c'è due senza tre ed il quattro vien da sé...

Per qualche tradizionale fotografia, potete invece cliccare qui e godervi i panorami...


giovedì 20 settembre 2012

Esercenti: autolesioniamoci...


Il turismo in Ticino è nelle cifre rosse e tanta gente si premura di cercare delle giustificazioni a tale declino: l'Euro debole va per la maggiore, ma forse si dovrebbe cercare di evitare comportamenti incresciosi come quello descritto nell'articolo seguente, estrapolato da un quotidiano di oggi.
Probabilmente, anche se da un giorno all'altro il turismo ticinese dovesse improvvisamente diventare attrattivo (con alberghi dignitosi per tutte le tasche e con le stesse offerte in internet che ogni località turistica offre ai suoi potenziali villeggianti), beh, una pubblicità del genere non aiuterà certamente questo mercato in crisi. Il lavoro più grande va fatto dalle persone che dovrebbero accogliere i visitatori, ma se viene fatto in questo modo...


‘Volete acqua? Quella del Wc ha più gusto’

Un gruppo reduce dalle acrobazie fluviali del canyoning si reca nel ristorante convenzionato con gli organizzatori dell’escursione. Il pasto (maccheronata a volontà per 11 franchi, bibite escluse) è compreso nel prezzo. Qualcuno chiede una caraffa d’acqua del rubinetto “per spegnere i primi ardori di una sete bruciante”, ma la cameriera prima dice che di acqua del rubinetto non ce n’è, poi cambia idea e si presenta con l’agognata brocca. Ma specificando, “in tono scortese e maleducato”, che si tratta di acqua del gabinetto “e che per questo è più gustosa”.

Il fattaccio risale a una domenica di settembre ed è accaduto in un ristorante di una località della Valle Verzasca di cui non faremo il nome. Un fattaccio che, se confermato, in tempi di magra turistica fa pensare. E lascia “sconcertati e allibiti” come sostengono di essersi sentiti i quattro ospiti che erano seduti a uno dei quattro tavoli preparati per le 16 persone della comitiva. Quattro ospiti che, ispirati dalla donna losonese che più di tutti si sente coinvolta, hanno preso carta e penna per raccontare l’accaduto a Ente turistico di Tenero e Valle Verzasca, Gastro Lago Maggiore e al nostro giornale.

La lettera ha toni accesi e riferisce anche di altre insolenze assortite, sempre da parte dell’ineffabile cameriera. Tanto da spingere gli astanti del tavolo in questione a parlare di “maleducazione, assenza di qualsiasi cortesia e gentilezza: ecco il trattamento ricevuto da un gerente di uno di quei locali tipici, tanto cari ai ticinesi come alle guide turistiche!”.

Il bello (o il brutto) è che l’accorato racconto viene confermato parola per parola dalla gerente titolare, che ammette tutto pur non avendo visto niente, trovandosi nella cucina al primo piano. « È tutto vero – dice – purtroppo è successo. Si è trattato di un atteggiamento inqualificabile da parte di una nostra collaboratrice saltuaria, che abbiamo ovviamente sgridato e invitato a cambiare registro ». Aggiunge però che « questa situazione incresciosa è di sicuro il risultato di ritmi di lavoro spesso eccessivi, abbinati a certa clientela molto difficile da trattare. Spiace. Ma spiace anche, e forse addirittura di più, che chi ha scritto la lettera l’ha indirizzata... a tutto il mondo salvo che a noi. Le lamentele vanno fatte sul posto, faccia a faccia, così da potersi confrontare per cercare giustificazioni e soluzioni. Invece tutto passa sotto silenzio e un giorno arriva una lettera di quel tenore ». Fatto sta che la gerenza, sollecitata dall’Ente turistico, ha già inviato tutte le scuse del caso alla prima firmataria della lettera. Con tanto di invito a una cena di cacciagione, annaffiata da buon vino (o acqua, ma del rubinetto).

Fonte: LaRegione Ticino, Davide Martinoni

domenica 15 luglio 2012

USA 2012... Due settimane di puro entusiasmo

Da qualche anno mancava all'appello il continente americano e, complice una preventivata da tempo gita di famiglia, per le vacanze estive del 2012 abbiamo optato per una scampagnata di diverse tappe negli States.
Il viaggio è stato confezionato cercando di mescolare in un cocktail esplosivo ciò che di più diverso gli Stati Uniti hanno da offrire: la baraonda della metropoli, la quiete della natura montagnosa ancora incontaminata e l'"all-in-one" di un'unica grande città, dal mare alle montagne.

La prima tappa è stata una vecchia conoscenza: New York.
Qui, accompagnati da babbo Ernesto, mamma Francine, Nicolà (il brother) e Lucia (la futura cognata), abbiamo soggiornato presso l'Hotel Intercontinental Times Square, nel centro del cuore pulsante della Grande Mela.
Nei giorni della nostra permanenza abbiamo svolto svariate attività, da quelle culturali a quelle culinarie, da quelle più frivole a quelle più impegnative.
Degne di note le cene presso Megu o Ruth's Chris Steakhouse o la colazione da Sarabeth's per restare nel ramo alimentare.
L'immancabile Statua della Libertà e relativo museo di Ellis Island, la portaerei Intrepid ed i suoi aerei ed elicotteri, il Museum of Modern Art, il Top of the Rock, la Grand Central Terminal o ancora il Memorial del 9/11 sono le attrazioni che questa volta hanno colto la nostra attenzione.
La Fifth Avenue ed il suo shopping (evitiamo in questa pagina di linkare tutti i negozi visitati ahahahah), Times Square, Central Park, Battery Park e molti altri classici luoghi ci hanno deliziato nei momenti più leggeri e distensivi che in ogni vacanza devono esserci.

Eccovi le foto della tappa a New York.



Dopo la parentesi metropolitana, ci siamo imbarcati su un volo interno della Frontier Airlines che ci ha portati a Denver ed in seguito su un altro volo che ci ha trasportati dritti dritti nel cuore del Wyoming, a Jackson e nella sua regione. Lì ci attendevano gli zii di Manuel, Monica e Beat ed i loro cuccioloni Chief e Mahko.
Partendo dalla magnifica casa di Monica e Beat, adagiata su una collina con un'imperdibile vista, abbiamo svolto innumerevoli giri nella regione: ci siamo lasciati travolgere dal clima festoso di un rodeo, abbiamo visto da molto vicino un branco di bufali (e poi ce ne siamo mangiati pure un pezzo per cena), abbiamo goduto del panorama del massiccio del Grand Teton, abbiamo raggiunto la cima della Rendezvous Mountain, abbiamo seguito i rafter sullo Snake River e macinato centinaia di chilometri tra Wyoming ed Idaho... Una vera full immersion nell'America più remota e profonda.

Qui di seguito trovate le foto della visita in Wyoming:


A bordo di due diversi aerei della Delta Airlines (qui si capisce quando la gente dice che in America gli aerei sono equiparati agli autobus e tutti, bambini compresi, fanno quel che vogliono...) abbiamo raggiunto Los Angeles, passando dapprima da Salt Lake City.
Dopo un'ora di attesa per ricevere la nostra auto a noleggio, a notte inoltrata abbiamo raggiunto il nostro albergo a West Hollywood.
Il mattino seguente, accompagnati gentilmente da uno Swiss-Angeleno molto cortese ed appassionato della sua città, abbiamo scoperto le bellezze della località californiana. Michael ci ha scarrozzati dai monti al mare, dai quartieri dell'economia a quelli del cinema, dello sport e delle Very Important Persons, senza dimenticare i sobborghi multiculturali e quelli della comunità arcobaleno. Troppo complesso linkare qui tutto quello che abbiamo potuto conoscere dalla bocca del nostro cicerone, ma siamo certi che una guida turistica come la nostra in molti ce la possono invidiare. Grazie.
I due ultimi giorni di soggiorno a Los Angeles li abbiamo passati tra le stelle di Hollywood, agli Universal Studios (che Milijan credeva fino in ultimo che fossero unicamente gli studi cinematografici e non un parco dei divertimenti) e lungo le spiagge di Santa Monica e Venice Beach. Eh no, il mare non poteva mancare...

Così come non possono mancare le foto del nostro tour a Los Angeles e dintorni.


Dopo una decina di giorni su suolo americano, a malincuore ma con mille ricordi, eccoci di nuovo a casa, a riprenderci dal jetlag (anche se meno duro del previsto, grazie ai comodi sedili ed all'ottimo servizio della business class della nostra compagnia di bandiera) e a rielaborare alcuni degli scatti più caratteristici di questa entusiasmante vacanza...

venerdì 13 aprile 2012

Amsterdam: top e flop

Dopo aver visitato come ultima meta una capitale dell'Europa del sud, abbiamo nuovamente optato di viaggiare più verso nord…
La destinazione prescelta questa volta è stata Amsterdam.
Per rendere il resoconto della vacanza meno accademico, suddivideremo qui di seguito gli avvenimenti ed i luoghi "top", che ci hanno positivamente impressionato, da quelli "flop", ovvero ciò che ci ha lasciato un po' l'amaro in bocca…

TOP
- La location dell'albergo (leggere tutto il testo, prima di eventualmente prenotare) che abbiamo scelto, a due passi dalla stazione centrale.
- La cordialità e l'efficienza del personale dell'albergo, nell'affrontare un nostro spiacevole reclamo.
- La gentilezza in generale della popolazione cittadina.
- L'utilizzo semplice ed efficace della rete dei trasporti pubblici (tram e bus), grazie alla carta illimitata di 72 ore.
- L'imperdibile "sightseeing" sui canali (ci sono diverse compagnie, non è detto che quella scelta da noi sia la migliore), per vedere la città da un'altra angolazione.
- L'impressionante didattica nelle presentazioni delle varie stanze del museo della navigazione.
- La replica del veliero "Amsterdam" ormeggiato presso il museo della navigazione e visitabile come parte dell'esposizione.
- La visita al Museo di Van Gogh, dove sono esposte alcune delle sue importanti opere e dove è possibile conoscere un po' meglio la sua travagliata vita.
- La possibilità di acquistare il biglietto d'entrata per il museo di Van Gogh presso il museo dei diamanti (a poche centinaia di metri di distanza), per poi poter evitare di restare in coda ed entrare sorpassando la fila.
- La terrazza del museo Nemo, dove ipotizziamo che si possa godere di un bel panorama in caso di bel tempo.
- La Westerkerk e la gratificante vista dopo aver "scalato" parte della sua torre campanaria, nella quale è pure presente un interessante carillon di campane.
- L'Homomonument, un invito alla tolleranza ed un pensiero alle vittime dell'omofobia nel tempo e nei vari luoghi del mondo.
- La grande e brulicante (con il bel tempo) piazza Dam, con alcune similitudini con Radhuspladsen di Copenhagen.
- Leidseplein, una bella piazzetta ricca di bar e relative terrazze; dev'essere decisamente piacevole passare lì le tiepide serate estive.
- La turistica scritta I Amsterdam nei pressi della Museumplain, dove i turisti si mettono nelle pose più improbabili per farsi scattare delle foto ricordo.
- L'unico mulino a vento presente ancora nel quartiere centrale (il mulino De Gooyer), che dà quel tocco di Olanda, se non ce ne fosse già abbastanza.
- Il negozio di lampade Nikoo, vicino alla Westerkerk: non è un museo, ma in fatto di design sa il fatto suo, eheheh.
- L'Apple Store: laddove c'è, non si può non andarci.
- Le pittoresche passeggiate lungo i canali, assaporando la particolare architettura della cittadina, decisamente a misura di turista "pigro", con dimensioni relativamente ridotte della parte visibile di città e molti bar e ristoranti in ogni angolo.
- Le pittoresche - questa volta in un altro senso - scampagnate nel "Quartiere a luci rosse De Wallen", con i saluti e gli occhiolini delle avvenenti signorine sedute in vetrina nell'attesa di donare piacere a qualche allupato cliente.
- La salutare camminata nel Vondelpark, con i suoi prati, i laghetti ed un sacco di gente che corre, va in bicicletta, in roller o semplicemente a passeggio.
- La senape al miele da abbinare al famoso formaggio Gouda, comperata poi in aeroporto allo shop tax-free, altrimenti non potevamo metterla nel bagaglio a mano.
- I succulenti hamburger preparati freschi davanti ai tuoi occhi in uno dei tre Burger Bar (peccato che abbiamo scelto il più piccolo dei vari locali presenti in città).
- Il design ed il discreto filetto di manzo presso il ristorante Cau.
- L'ottimo e piccantissimo filetto di manzo Bali, mangiato nel folcloristico ristorante Loetje (armarsi di pazienza prima di riuscire ad avere un tavolo!)
- Le buone colazioni (uova, salmone, bacon,… oppure anche gli Scones con la marmellata) nel ristorante Greenwoods, il locale in prima posizione secondo gli utenti di Trip Advisor.

FLOP
- I passeggeri sempre più maleducati e che rispettano sempre meno le semplici regole su di un volo, nonostante gli avvisi del personale di volo di Swiss.
- Il cartellone degli orari del treno in partenza dall'aeroporto di Schipol che ci ha indotto a prendere il treno sbagliato (ma senza troppe conseguenze).
- Il rumore prodotto dal cantiere sotto alla prima camera dell'albergo che ha fatto sì che chiedessimo una nuova stanza alle 2:30 di notte…
- Le dimensioni della seconda stanza ricevuta, ma per lo meno non c'era rumore.
- La coda davanti alle casse del museo di Van Gogh e della casa di Anne Frank (si parlava di tre ore di attesa), ma prontamente "scavalcata" nel primo caso.
- Le scale strettissime per salire sulla torre campanaria della Westerkerk (ma ne vale la pena).
- I due musei dell'Eros, che potevano offrire una qualità forse più stravagante.
- Lo Starbucks della stazione minuscolo e dove non si riesce a trovare posto. In caso di bisogno c'è un altro bar della catena lungo una delle linee del tram del centro.
- I pericolosi ciclisti che sbucano da ogni dove a velocità sostenuta e che non danno la precedenza ai pedoni.
- Il brutto tempo, che rende ovviamente meno pittoresca questa bella città.
E...
- Tutte le viuzze ed i monumenti che ci siamo persi, ma così abbiamo una scusa per tornare lì in vacanza.

E come sempre, vi lasciamo a una piccola collezione di foto scattate durante la breve vacanza.


lunedì 19 marzo 2012

Salone dell'auto 2012

Dopo una qualche edizione di assenza dalla kermesse, complice anche il "ponte di San Giuseppe", siamo ritornati sulle rive del lago Lemano per guardare cosa offre il mercato automobilistico attuale.
Siamo partiti alla volta di Ginevra senza idee di cambiare vettura, visto che quella attuale ci soddisfa pienamente, però ammettiamo che un'automobile ha fatto breccia nei nostri cuori (soprattutto in quello di Manuel) e si appresta a diventare la candidata numero uno come in successione alla lunga stirpe delle auto di famiglia, ahahah...
No, non è un'Audi, nonostante nella gallery fotografica vi siano diverse foto della nuova A3: bellina, ma non entusiasmante... Ciò che entusiasma è altro, sempre della Germania, ma non più di Ingolstadt: "tradiremo" i quattro anelli???
Beh, chi lo sa, per intanto godetevi alcune foto...